Camminando per Ybor City

La sala di meditazione era all’interno di un edificio costruito per rivenderne gli spazi, uno dei tanti luoghi anonimi costruito con la minima spesa. Non vi erano poi grandi cose da fare in meditazione, era quello che mi piaceva di essa; zero sbattimenti. Si doveva osservare ciò che i sensi percepivano e lasciare andare, senza che quella vecchia impicciona bigotta si mettesse a sparare sentenze o giudizi su tutto…

AlbertCommenta